Sicurezza sul lavoro

Corsi di formazione

Indagini strumentali

 

Calendario eventi

Ottobre 2018
lunmarmergiovensabdom
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Limiti

 

Tabella comparativa limiti campi a radiofrequenza

La tabella riporta i limiti di esposizione applicati nei vari paesi europei ed extraeuropei per quanto concerne i campi alle frequenze caratteristiche della telefonia cellulare (900 - 1800 - 2100 MHz) e dell'LTE (800 MHz - 2600 MHz). Per quanto riguarda  gli altri range di  frequenze vengono in genere applicate le restrizioni di base ed i limiti di riferimento riportati nelle Linee Guida ICNIRP

 

Paese
Limite di esposizione a 800 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 900 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 1800 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 2100 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 2600 MHz (V/m)
Australia 39 41 58  61 61
Austria
39
41
58
 61
61
Belgio(1)
20
21
29
31
31
Brasile
39
41
58
61
 61
Bulgaria(2)
0.09 W/m2
   
Canada
47
61
61
Cipro
 39
41
58
61
 61
Estonia
 39
41 
58
61
 61
Finlandia
 39
41 
58 
61 
 61
Francia
 39
41
58
61
 61
Germania
 39
41
58
61
 61
Giappone
47
61
61
Grecia(3)
 23/27
32 / 35
45 / 49
47 / 51
 47/51
Irlanda
39
41
58
61
 61
Italia(4)
20 / 6 
20 / 6
20 /6
20 / 6
20 / 6 
Lituania(5) 0.09 W/m2        
Lussemburgo (6)
39  41  58  61  61
Malta    41  58  61  
Nuova Zelanda
41
58
61
Polonia
 7
7
7
7
7
Portogallo
 39
41 
 58  61 61
Regno Unito
 39
41
58 61  61
Repubblica Ceca
 39
41
58 61 61
Romania
41  
 58  61 61
Russia
0.08 W/m2 
0.09 W/m2
0.18 W/m2 0.2 W/m2  0.2 W/m2
Slovacchia
39
41 
58 
 61 
61
Slovenia(7)
 12/39
13 / 41
18 / 58
19 / 61
19/61
Spagna(8)
 39
41  
 58
 61 
61
Stati Uniti*****
 6 W/m2
10 W/m2 
10 W/m2 
Sud Africa
41
58
61
Svezia
41
58
61
Svizzera**
4 / 41
6 / 58
6 / 61
Turchia
41
58
61
Ungheria  
 41
 58
61 

 

(1) In Belgio sono operativi limiti più stringenti rispetto a quelli indicati nelle Linee Guida ICNIRP. Il limite per il campo elettrico è pari al 50% dei valori indicati nelle Linee Guida. Nella regione di Bruxelles il limite per il campo elettrico è posto pari al 7% dei valori indicati dall'ICNIRP mentre nella Wallonia il limite, per tutte le frequenze, è pari al 7% del valore indicato nelle Linee Guida per i 900 MHz.

(2) In Bulgaria i limiti vengono fissati in densità di potenza pari al 2% della densità di potenza per i 900 HHz, la percentuale decresce al crescere della frequenza

(3) I primi valori indicati sono relativi alle installazioni che si trovano a  meno di 300 m da siti sensibili (scuole, asili ospedali), i secondi a tutte le altre situazioni di esposizione della popolazione

(4) Il doppio valore di riferisce al limite di esposizione (20 V/m) e ai valori di attenzione (6 V/m)

(5) In Lituania i limiti vengono fissati in densità di potenza pari al 2% della densità di potenza per i 900 HHz, la percentuale decresce al crescere della frequenza

(6) In Lussemburgo viene fissato un limite di 3 V/m per singola antenna, possono essere installate antenne fino al raggiunginmento del valore riportato nelle Linee Guida ICNIRP per la frequenza specifica

(7) Il primo valore si riferisce ai siti sensibili

(8) In Spagna, nella regione della Catalogna i limiti applicati sono il 65% dei livelli indicati nelle Linee Guida ICNIRP ed adottati nel resto del paese

 

 

 

(*****) Gli Stati Uniti fissano i limiti in densità di potenza

Tabella comparativa limiti campi a bassa frequenza

 

La tabella riporta i limiti di esposizione applicati nei vari paesi europei ed extraeuropei per quanto concerne i campi a frequenza industriale (50 Hz). Per tutte le altre frequenze vengono in genere applicate le restrizioni di base ed i limiti di riferimento riportati nelle Linee Guida ICNIRP.

 

Paese
Intensità di campo elettrico (V/m)
Induzione magnetica (μT)
Australia
5000
100
Austria
5000
100
Belgio(1) 5000
100
Bulgaria(2)
/
/
Cipro
5000
100
Danimarca
5000
100
Estonia
5000
100
Finlandia
5000
100
Francia(3)
5000
100
Germania
5000
100
Grecia
5000
100
Irlanda
5000
100
Italia (4) 
5000
100 / 10 / 3
Lituania (5)
500/1000  
Lussemburgo (6)
5000  100
Malta  5000  100
Olanda(7)
 
0.4
Polonia(8)
1000
75
Portogallo
5000
 100
Regno Unito
5000
100
Repubblica Ceca
5000
100
Romania
5000 
 100
Russia 
500
 10
Slovacchia
5000
100
Slovenia (9)
5000 / 500
100 / 10
Stati Uniti (10)
 /
Svizzera(11)
5000
10/1
Ungheria
 5000
 100

 

(1) In Belgio per la sola città di Flanders è stato decretato che il limite per l'induzione magnetica all'interno di abitazioni ed edifici frequentati da persone sia pari a 10 μT

(2) La Bulgaria non ha limiti per le esposizioni, ma solo per l'utilizzo dei videoterminali e sulle distanze delle abitazioni dagli elettrodotti

(3) In Francia le restrizioni vengono applicate solo agli edifici di recente costruzione o in quelli recentemente modificati

(4) In Italia oltre ai limiti, per i campi a frequenza industriale (50 Hz) vengono definiti dei valori di attenzione di 10 μT mediato sulle 24 ore per i luoghi adibiti a permanenze non inferiori alle 4 ore giornaliere e degli obiettivi di qualità di 3 μT

(5) In Lituania per i campi a 50 Hz il limite è 500 V/m per l'interno degli edifici e 1000 V/m per le aree esterne

(6) In Lussemburgo vengono posti limiti sulla distanza degli edifici dagli elettrodotti a 20 m per gli elettrodotti a 65 kV e 30 metri per quelli a 100/220 kV

(7) Il limite di 0.4 μT si applica solo alle aree frequentate da bambini

(8) In Polonia i limiti sono applicati unicamente a zone sensibili come le case, gli ospedali e gli asili

(9) In Slovenia la riduzione dei valori limite al 10% di quanto riportato nelle Linee Guida ICNIRP si applica solo ad aree particolari quali scuole, ospedali, parchi, aree ad elevato flusso turistico

(10) Gli Stati Uniti non hanno una legge federale per la esposizione ai campi a bassa frequenza. I limiti variano da Stato a Stato ed in taluni casi non si parla nemmeno di limiti ma di politiche cautelative. Negli Stati in cui sono presenti dei limiti, questi variano dal 20 al 240% di quanto riportato nelle Linee Guida della ICNIRP

(11) In Svizzera si applica un limite per l'induzione magnetica pari all'1% dei limiti ICNIRP, ma è applicabile solo alle nuove installazioni

Tabella comparativa limiti campi 50 Hz - esposizione professionale

 Nella tabella vengono riportati i limiti per quanto concerne l'esposizione professionale ai campi elettrici e magnetici a frequenza industriale.

Per quanto riguarda le altre frequenze vengono rispettati i valori limite e le restrizioni di base riportate nelle Linee Guida ICNIRP per le esposizioni professionali.

 

Paese
Intensità di campo elettrico (V/m)
Induzione magnetica (μT)
Australia
10000
500
Austria
10000
500
Belgio
-
-
Bulgaria*
5000
 
Cipro
10000
500
Danimarca
10000
500
Estonia
-
-
Finlandia
-
-
Francia
10000
500
Germania**
21320
1358
Grecia
-
_
Irlanda
-
-
Italia 
10000
500
Lettonia
10000
500
Lituania
10000  500
Lussemburgo*** 5000
 100
Malta  10000  500
Olanda
-
-
Polonia
10000
251
Portogallo
-
 -
Regno Unito
10000
500
Repubblica Ceca
10000
500
Romania
10000 
 500
Russia ****
-
 100
Slovacchia
10000
500
Slovenia
-
-
Spagna
-
-
Svezia
-
-
Stati Uniti
25000
10000
Svizzera
10000
500
Ungheria
 10000
 500

 

(*) in Bulgaria il limite 5000 V/m è inteso per le 8 ore lavorative; per le esposizioni più brevi il limite è pari a 25000 V/m

 

(**) in Germania i limiti variano a seconda del settore. Valori più elevati fino a 30000 V/m e 2546 μT sono consentiti per brevi periodi (massimo due ore al giorno) ed in condizioni controllate.

 

(***) Limite relativo ad esposizioni prolungate. Il limite per le esposizioni brevi è di 21320 V/m

 

(****) Il limite si intende per una giornata lavorativa di 8 ore. Il limite sale a 2000 μT per esposizioni di durata inferiore ad un ora

Tabella comparativa limiti campi a radiofrequenza - Esposizioni professionali

 Nella tabella vengono riportati i limiti per quanto concerne l'esposizione professionale ai campi alle radiofrequenze tipiche della telefonia mobile.

Per quanto riguarda le frequenze intermedie e le frequenze diverse da 900-1800-2100 MHz, vengono rispettati i valori limite e le restrizioni di base riportate nelle Linee Guida ICNIRP per le esposizioni professionali.

 

Paese
Limite di esposizione a 900 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 1800 MHz (V/m)
Limite di esposizione a 2100 MHz (V/m)
Australia 92 130  137
Austria
90
127
 137
Belgio
-
-
-
Bulgaria
-
-
-
Cipro
90
127
137
Danimarca
90
127
137
Estonia
-
-
-
Finlandia
90
127
137
Francia
90
127
137
Germania
92
130
137
Grecia
-
-
-
Irlanda
-
-
-
Italia 
90
127
137
Lettonia
90 127 137
Lituania
90 127 137
Lussemburgo  41  58  61
Malta  90  127  137
Olanda
-
-
-
Polonia *
20
20
20
Portogallo
-
 - -
Regno Unito
90
127 137
Repubblica Ceca
90
127 137
Romania
  90 
 127  137
Russia
-
 -  -
Slovacchia
90
127
 137
Slovenia
-
-
-
Spagna
-
-
 -
Stati Uniti
 -
-
-
Svezia**
60
60
60
Svizzera
90
127
137
Ungheria
90
 127
137

 

(*) In Polonia sono previsti anche limiti integrati nel tempo

 

(**) Viene applicato anche un principio di precauzione

Sottocategorie

  • Limiti vigenti in Italia

    In Italia, contrariamente alla maggioranza dei paesi europei che recepiscono quanto contenuto nelle Linee Guida redatte dall'ICNIRP, il quadro regolamentare relativo alla esposizione ai campi elettromagnetici è specifico. I limiti applicati infatti sono estremamente più restrittivi rispetto a quanto indicato dall'ICNIRP.

     

     

  • Limiti previsti dalla normativa Europea

    La Raccomandazione Europea 519/1999 fissa delle restrizione di base definite su quantità dosimetriche quali il rateo di assorbimento specifico (SAR), la densità di corrente e la densità di potenza. Tali valori non devono mai essere superati e proteggono dagli effettii sanitari accertati. Vengono poi fissati dei livelli di riferimento, basati su grandezze fisiche direttamente misurabili. Il rispetto dei livelli di riferimento garantisce quello della corrispondente restrizione di base.

     

  • Limiti riportati nelle Linee Guida ICNIRP

     

    Le Linee Guida ICNIRP stabiliscono valori limite per l'esposizione ai campi elettromagnetici, in modo da fornire una protezione contro gli effetti conosciuti che siano novici per la salute. Tali limiti derivano da una analisi critica della letteratura scientifica pubblicata su riviste internazionale e vengono periodicamente aggiornati sulla base delle più recenti conoscenze.

     

  • Tabelle comparative limiti europei ed extraeuropei

     

    La maggior parte dei paesi recepisce i limiti indicati all'interno delle Linee Guida pubblicate dall'ICNIRP. Fanno eccezione alcuni stati, tra i quali l'Italia nei quali viene applicato un quadro normativo specifico, in genere più restrittivo. In questa sezione vengono riportati e messi a confronto i limiti applicati in vari paesi europei ed extraeuropei.

     

     

Tu sei qui:

Iscrizione newsletter

E-mail:
Nome:
Cognome:
Azienda:

Scrivi a...

Trovaci anche su...