Sicurezza sul lavoro

Corsi di formazione

Indagini strumentali

 

Calendario eventi

Aprile 2018
lunmarmergiovensabdom
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Spettro Elettromagnetico

 

Una classificazione fondamentale dei campi elettromagnetici variabili regolarmente nel tempo è basata sulla frequenza di oscillazione. L'unità di misura per la frequenza è l'Hertz che corrisponde ad una oscillazione che si ripete periodicamente ogni secondo. L'insieme di tutte le frequenze è chiamato spettro elettromagnetico la cui estensione copre un arco di molti ordini di grandezza in termini di lunghezza d'onda e di frequenza.

 

Poiché la lunghezza d'onda e la frequenza sono inversamente proporzionali, tanto minore sarà la lunghezza d'onda, tanto maggiore sarà la frequenza e quindi l'energia trasportata dall'onda stessa.

 

In termini di lunghezza d'onda, la luce visibile occupa una gamma compresa tra circa 400 e 700 nm,

lunghezze d'onda minori (comprese tra 400 e 0,1 nm) corrispondono ai raggi ultravioletti, ai raggi x e ai raggi gamma che avendo alta frequenza trasportano una quantità elevata di energia.

 

I raggi infrarossi (1000 μm – 700 nm), le microonde e le onde radio hanno una lunghezza d'onda molto maggiore della luce visibile e di conseguenza trasportano meno energia.

 

 

 

I campi elettromagnetici vengono sostanzialmente suddivisi in due macro categorie: campi elettromagnetici ionizzanti e campi elettromagnetici non ionizzanti (o NIR).

 

I campi elettromagnetici ionizzanti (o radiazioni ionizzanti) hanno una frequenza superiore ai 300 GHz ed una energia superiore ai13,6 eV, che li rende in grado di rompere i legami molecolari e provocare fenomeni di ionizzazione della materia biologica, lo studio di questa tipologia di campi non è oggetto del sito.

 

I campi elettromagnetici non ionizzanti (NIR – Non Ionizing Radiations) sono caratterizzati da

frequenza minore di 300 GHz ed energia inferiore ai 13,6 eV. Queste radiazioni non sono in grado di rompere direttamente i legami molecolari e quindi non provocano fenomeni di ionizzazione della materia biologica.

 

Le radiazioni non ionizzanti si suddividono in tre macro categorie:

 

ELF = Extremely Low frequency - Hanno frequenze inferiori a 300 Hz e lunghezze d'onda che possono raggiungere decine di chilometri

 

RF = Radio Frequency – Caratterizzati da frequenze comprese tra 300 KHz e 300 MHz


MW = Micro Waves - Hanno frequenze comprese tra 300 MHz e 300 GHz

Tu sei qui:

Iscrizione newsletter

E-mail:
Nome:
Cognome:
Azienda:

Scrivi a...

Trovaci anche su...